Archivio

Archive for 24 giugno 2011

OpenGeo Suite 2.4.3: rilasciata!


OpenGeo ha rilasciato la release 2.4.3 di OpenGeo Suite!

OpenGeo Suite (OSGeo Live), è una raccolta di prodotti gis open source pre-installati e configurati e pronti all’uso che può stare su un DVD/USB/Virtual Machine.

La suite contiene:

  • browser clients
  • un piccolo esempio di un software per la gestione di crisi (Hu
  • tutti i principali database spaziali open source  (PostGIS, SpaitalLite etc)
  • diversi desktop GIS open source (QGIS, uDig etc)
  • diversi servizi pronti all’uso per i client browser e i gis desktop
  • alcuni dati di esmepio forniti come getting started

Ecco la lista completa.

OSGeo Live può andare bene per fare i primi test di un prodotto GIS Open Source che non si conosce e non lo si vuole installare su una macchina reale ma si è interessati a provarlo il più rapidamente possibile (occorre tenere presente che in alcuni casi le prestazioni possono essere un po basse).

Da questa release è disponibile sia una versione Community sia una versione Enterprise.

Fonte: Open Geo

Annunci
Categorie:GIS, Open Source Tag:

Apple sta preparando una propria soluzione di mapping?


Sebbene Apple e Google abbiamo recentemente rinnovato la loro partneship relativamente all’utilizzo di Google Maps all’interno dele soluzioni IOS5 , diversi post (1, 2, 3), stanno parlando di una ipotesi secondo la quale il gigante di Cupertino sta pensando di “mettersi in proprio” per quello che riguarda il mapping.

L’ipotesi sembra suffragata dal fatto che nel legal disclaimers per IOS 5 compare una sezione denominata “Map Data”in cui sono elencate le compagnie di terze parti che già forniscono mapping e servizi collegati.

Considerando che Apple tende ad avere la massima indipendenza e  il totale controllo di ciò  che realizza e che, al momento, per la parte di mappe “dipende” da quello che nella reatà è un suo “competitor”, potrebbe non essere una ipotesi irrealistica e magari tra qualche tempo potremmo assistere a qualche grossa novità.

Fonte James Fee GIS Blog