Archivio

Archive for luglio 2011

Un robot che vola come un uccello !


Non ha alcuna attinenza con i GIS ma il video è davvero interessante ….

….. ed ecco lo stesso robot in un volo al’esterno in mezzo ad uccelli reali

Spettacolare!

Fonte: TED

Annunci
Categorie:Uncategorized Tag:,

Open Data: City of Philadelphia e British Columbia


Recentemente sono comparsi un paio di post (qui e qui)  interessanti in merito a casi di portali legati agli Open Dati: entrambi possono offrire spunti interessanti.

La provincia di British Columbia è stata la prima in Canada a lanciare un portale open data che offre a cittadini e sviluppatori la possibilità di esplorare e scaricare grandi volumi di dati e informazioni governative. Il loro catalogo dati conta 2.500 dataset, strumenti per fare ricerche e anche tools per sviluppare applicazioni custom che facciano uso di open data.  Per questi tools le tecnologie coinvolte sono Geocommons, Google Fusion Tables, iMapBC  e StatPlanet per le mappe Flash based.

La città di Philadelphia in Pennsylvania, utilizza OpenDataPhilly per fornire accesso a più di 100 dataset, applicazioni e API relative all’informazione certificata della Città su un ampio spettro di argomenti. Le tecnoogie coinvolte sono ESRI based (ArcGIS technology).

Fonte: Spatial Sustian e ESRI News

Confronto tra routing engine API


Pascal Neis ha pubblicato un interessante confronto tra alcune API di routig engine e precisamente:

  • CloudMade (basato sui dati OSM)
  • MapQuest Open(basato sui dati OSM)
  • OSRM (basato sui dati OSM)
  • Bing Maps  API(basato su dati Navteq)
  • G**gle API (!!!) (basato su dati TeleAtlas)
  • YOURS (basato su dati OSM)
  • Routino (basasto su OSM)

I numeri in sintesi sono riassunti nella seguente figura:

Quello che emerge è che OSRM risulta essere la libreria più velcoe seguita da G**Maps,  Bing Maps, MapQuest e CloudMade che sostanzialmente si equivalgono, mentre distaccate (almeno per percorsi oltre i 600 km), YOURS e Routino.

Maggiori dettagli e grafici sono disponibili sul post originale.

Fonte: OpenStreet Map Blogs

Spatial Data Infrastrastructure (SDI) Cookbook dalla Nuova Zelanda


Lo New Zealand’s Geospatial Office (NZGO) ha rilasciato una prima versione dello Spatial Data Infrastrastructure (SDI) Cookbook .

L’obiettivo è quello di fornire una guida a chi debba compiere i primi passi nell’implementare una SDI a livello nazionale.

Le sezioni attuali sono le seguenti:

  1. Data Stewardship and Custodianship Responsibilities
  2. Introduction to SDI Standards
  3. Making Data Accessible: Characteristics of a Provider Node
  4. Making Data Able to be Found: Characteristics of a Catalogue Node
  5. Using Data Efficiently: How can my Organisation use a SDI? – Participating in a Spatial Data Infrastructure

Manca ancora l’ultimo capitolo intitolato “How existing system and products can contribuite to SDI” ma il testo è in prima bozza e quindi a breve verrà pubblicata una nuova versione.

Nel frattempo le informazioni contenute negli altri capitoli possono essere di sicuro interesse.

Maggiori dettagli su Cameron Shorter Blog.

Fonte: Planet OSGeo

Categorie:GIS, Progetti Tag:

State Of The Map (SotM) Europe 2011: disponibili le presentazioni e i video


Dal 15 al 17 Luglio 2011 a Vienna si è svolto State of the Map Europe.

206 partecipanti  di 25 Nazioni per parlare di Open Street Map a 360°.

Sono disponibili le presentazioni  e i video degli interventi.

Fonte: Open Street Map Blog

INSPIRE Conference 2011: disponibili le presentazioni


Dal 27 Giugno al 1° Luglio 2011 a Edinburgo si è svolta la INSPIRE Conference 2011.

Sono disponibili le presentazioni degli interventi.

52° North SmartEditor: un editor web based open source per metadati


52° North ha pubblicato la release 1.1 di SmartEditor, un editor web based per metadati ISO19115/19119 open source.

Il tool fornisce templates, validazione dei matadati con evidenziazione degli errori.

Vista l’enfasi sull’aderenza agi standard INSPIRE (ISO19115/19119 sono supportati da IN>SPIRE), un tool open source di questo tipo potrebbe essere un buon punto di partenza.

Fonte: 52° North