Archivio

Archive for 9 ottobre 2011

Social Networking, geo-localizzazione e privacy: scegliamo consapevolmente?

9 ottobre 2011 2 commenti

Creepy è un pacchetto software per Windows o Linux (in corso in porting per MacOS), il cui obiettivo è quello di analizzare le “tracce” lasciate da un individuo sui servizi di social networking utilizzando l’informazione pubblica resa disponibile riportando su una mappa l’insieme delle loro geo-localizzazioni.

E’ possibile, infatti, inserire uno username Twitter o Flickr (o utilizzare l’utility di ricerca predefinita), utilizzare il bottone “Geolocate Target” e Creepy, sfruttando le API pubbliche offerte dai servizi di social networking recupera, ogni foto o tweet che sia stato pubblicato da quello username analizzando per ognuno di questi un elemento cruciale dell’informazione: la localizzazione dell’utente nel momento in cui la foto o il tweet è stato pubblicato.

Mentre il settaggio della geo-localizzazione su Twitter è opzionale, per le immagini acquisite con uno smartphone questo, in modo completamente trasparente all’utente, registra l’informazione della localizzazione nel campo EXIF dell’immagine. Creepy individua le foto, effettua il download, e ne estrae l’informazione della localizzazione (nota: ok ci sono tool che permettono di eliminare l’informazione della geo-localizzazione dall’immagine della fotografia ma quanti, soprattutto tra i più giovani che sono la base degli utenti dei social network, li utilizzerebbero?)

Terminata l’elaborazione il prodotto presenta una mappa che visualizza ogni geo-localizzazione trovata.


Mentre la singola localizzazione di un tweet o di una fotografia potrebbe non dire molto, il vedere l’insieme di tutte queste informazioni su una mappa rivela molto di più. Leggi tutto…