Home > GIS, Google, Progetti > Come l’uso di un GIS può supportare nell’orientamento scolastico

Come l’uso di un GIS può supportare nell’orientamento scolastico


Ogni anno molte famiglie si trovano ad affrontare l’annoso problema di dove mandare i propri figli a scuola a seconda degli interessi o delle propensioni da questi dimostrati. Le scuole e le istituzioni cercano di offrire diversi strumenti per il cosiddetto “orientamemto scolastico”, allestendo siti informativi, creando eventi all’interno delle scuole stesse a scopo promozionale, ecc …

In tutte queste inziative non mi è mai capitato di vedere offrire strumenti che permettano di aggiungere, tra i parametri di valutazione della scelta dell’istituto scolastico, fattori come la loro più o meno facile “raggiungibilità”, quindi dei criteri “spaziali”. So da me che sono aspetti complicati e che si devono tenere conto di diversi fattori, e non sempre applicabili sull’intero territorio (si pensi alla realtà di scuole in zone di montagna ad esempio), ma al tempo stesso sono anche aspetti di fodamentale importanza, non fosse altro per l’impatto quotidiano che comportano e mi ha sempre stupito il fatto che, in aree dove questi aspetti siano maggiormante “trattabili” quali le aree cittadine, ciò  non venga mai fatto.

Nei post che mi è capitato di leggere in questi giorni quello relativo al progetto DiscoverBPS della città di Boston (e quindi non un’area pilota “semplice” …), è il primo in cui mi sono imbattuto particolarmente degno di nota e quindi ve lo segnalo.

Il progetto si propone di offrire un servizio di ausilio alla scelta della scuola fornendo una mappa che identifichi la scuola “più vicina” ma non basandosi sulla semplice analisi di prossimità in un certo intorno massimo a partire dall’indirizzo di residenza come potrebbe essere illustrato dalla seguente figura

quanto piuttosto fare una vera a propria “mappa della raggiungibilità a piedi” (walkshed map), che consideri tutta una serie di fattori influenti, e quindi una mappa come questa

molto più utile e selettiva.

Ovviamente maggiori sono i fattori influenti che vengono presi in considerazione più utile è lo strumento.

Da notare, a livello tecnico, che sebbene il post sia apparso sun blog di casa Google, in questo caso non sono stati utilizzanti tools del gigante di Mountain View quali Google Maps Distance Matrix API, bensi  strumenti open source come POSTGISpgRouting (che estende PostGIS per fornire funzionalità di routing geospaziale), a dimostrazione di quanto siano  oramai potenti e apprezzate le soluzioni open source e di come soluzioni progettuali “miste” tra tecnologie open source e commerciali risultino essere sempre si più il mix vencente.

Il progetto verrà proposto in uso dalla città di Boston per l’anno scolastico 2013.

Fonte: Google Geo Developers Blog

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: