Home > Google, Open Data > Google attiva Map Maker in Italia: perchè non usare OpenStreetMap?

Google attiva Map Maker in Italia: perchè non usare OpenStreetMap?


Oggi Google ha annunciato l’attivazione in Italia (ed in contemporanea in Bulgaria, San Marino e Città del Vaticano), di MapMaker, la soluzione che BigG offre ai propri utenti per aggiornare i dati georiferiti delle proprie mappe che poi offre come servizio.

Google sta spostando sempre di più il proprio interesse sulle informazioni georiferite come infrastruttura per i suoi servizi futuri, e quindi ampliare e pubblicizzare l’uso di Map Maker rientra in questo disegno: l’iniziativa rientra quindi nell’ambito dell’offerta di Google ai propri utenti e ci sta, ma è ampiamente sovrapposta a quelle che sono le iniziative del progetto OpenStreetMap, anche se poi le finalità delle due iniziative sono diverse.

E’ facile che, chi non è così addentro a queste cose e si pone come mero fruitore degli innumerevoli servizi offerti da Google, possa essere incuriosito da questa ulteriore novità e tentato di “entrare a far parte del gioco”.  E’ tuttavia quanto mai opportuno ribadire la sostanziale differenza tra Google Map Maker e OpenStreetMap che è tutta concentrata sui dati e sulla loro disponibilità anche nei confronti di coloro (singoli utenti), che li forniscono.

E’ di oggi, giusto in concomitanza con la notizia di BigG, un bel post che riassume queste differenze che dovrebbero essere note a tutti coloro (singole persone, Aziende, Enti, ed anche, perchè no, Pubblica Amministrazione), che potrebbero essere interessati a contribuire all’aggionamento dei dati georiferiti in possesso di Google.

Nello stesso post sono riportate alcune altre informazioni interessanti quali ad esempio se Google o altri possano o meno usare i dati di OSM, oppure la seguente immagine che riassume sinteticamente le differenze.

mapmaker

per cui suggerisco a tutti coloro che sono interessati all’argomento di leggerlo attentamente.

Da parte mia provo a portare un piccolo contributo riferendo un mio precedente post  Open StreetMap e Google Map Maker: un interessante confronto.

Infine least but non last una piccola curiosità: nel post dell’annuncio ufficiale di Google viene riferita questa immagine

it-before-after2

che è realtiva ad una zona di Livorno.

Ecco la medesima zona per come è mappata ad oggi dai servizi di OpenStreetMap (mappe a sinistra), Google (in alto a destra), e Bing (in basso a destra), ottenuta con MapCompare di GeoFabrik:

Confronto

Alla luce di quanto sopra siete proprio sicuri, dopo aver contribuito ad accrescere il dettaglio informativo, di voler perdere per sempre il diritto d’uso dei “vostri” dati?

  1. 26 agosto 2013 alle 7:58 pm

    Esatto ben detto.
    Se vi vuole dare dei contributi meglio farlo su OSM, su Map Maker intervenire solo quando ci sono interessi da curare
    http://www.localstrategy.it/google-map-maker/

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: