Home > Open Data, Open Source > Vuoi calcolare la distanza tra punti georiferiti? OSRMdistance

Vuoi calcolare la distanza tra punti georiferiti? OSRMdistance


Dal gruppo Google Spaghetti Open Data (SOD) (rif. spaghettiopendata@googlegroups.com), ho appreso una notizia molto interessante, relativa all’esistenza di un tool open source basato su OSRM (di cui ho già riferito qui e qui), che permette di interrogare automaticamente le API di OSRM (anche in modo “massivo”), e trovare  la distanza in chilometri ed in tempi di percorrenza espressi in minuti  a partire da una serie di punti geografici contenuti in un dataset .

Il tool si chiama OSRMdistance ed è disponibile su GitHub (il codice è disponibile ma non è purtroppo indicata quale licenza, quindi chi interessato è bene che contatti l’autore).

E’ disponibile anche una demo online.

L’utilizzo è abbastanza semplice, basta avere un file csv di input dove siano indicati il nodo di OSM e le coordinate dei punti, in seguito, dopo aver scritto un semplice comando nel terminale, si ottiene la matrice delle distanze!

Ci sono alcuni accorgimenti tecnici da tener presenti: anzitutto bisogna aver installato in locale o in un proprio server il motore di OSRM. La API policy del progetto OSRM infatti vieta che vengano effettuate delle chiamate massive direttamente sul loro server: ma qui se vogliamo sta il bello dell’open source!

Altra cosa interessante riportata nel post, che va al di là dell’interesse per il tool software e che rappresenta l’ennesima dimostrazione delle potenzialità dei progetti open source, è quanto riportato dall’autore in merito al fatto che, una volta iniziato ad utilizzare il tool, si è accorto della mancanza o dell’incompletezza dei dati di OSM.

Questi sono stati corretti e/o aggiunti sulla base dati comune, immediatamente resi disponibili all’intera comunità, cosa che altrimenti non sarebbe stata possibile se i dati in uso fossero stati dei dati commerciali o anche dati amministrativi “ufficiali” anche qualora questi fossero stati messi a disposizione in modalità open data.

Questa potenzialità, che porta inevitabilmente ad aumentare la qualità della fonte, è disponibile solo in progetti open source come OSM e l’autore l’ha denominata circolo virtuoso dei community data, sintesi efficiente per esprimere il concetto

Ottimo lavoro!

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: