Archive

Posts Tagged ‘INSPIRE’

We want also the National Catalogue for Spatial Data in the INSPIRE register!


A year and a half ago (precisely on February 11, 2014), based on the initiative of some Italian geomatics fans, a petition was launched to denounce the lack of presence of Italy in the INSPIRE register: italy4INSPIRE

rndt4inspire

This initiative, which has rapidly gathered more than 100 adhesions, not only by individuals but also by associations and communities of the geomatics sector, aimed to highlight the fact that it was enough just a grain of sand in the cumbersome and infernal bureaucratic machine (the failure to send an email by ghost responsible), to make yet another fool to our country in the international arena.

And the joke was that Italy had already fulfilled so far the sectoral legislation creating the “National Catalogue for Spatial Data” ( RNDT – Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali) and therefore could even get us to the finish among the first in Europe. Among other things, the initiative was echoed in two parliamentary questions, submitted on 4 July and 12 November 2014 , remained unanswered.

What happened after so long?

That we took the usual “patch” Italian style, registering the only endpoint of the National Geoportal (which counts a few hundred metadata), continuing to ignore RNDT, despite European law allows each Member State to present more than one National access point.

Why?

Since the Decree 32/2010 (which transposed the INSPIRE Directive in Italy) refers explicitly to RNDT and that this, in consistency and continuity with the monitoring “envisaged by the Commission” 2014, signaled 6140 metadata and in 2015 more than 17940 metadata are reported, why it was not registered yet?

We wonder if someone with a name, a surname and a face, will never give an answer and, above all, will manage to achieve the goal of registering the RNDT endpoint in the INSPIRE register.

RNDT4INSPIRE_h

Categorie:Uncategorized Tag:,

Vogliamo anche RNDT nel registro INSPIRE! #RNDT4INSPIRE


Un anno e mezzo fa (per la precisione il giorno 11 febbraio 2014), su iniziativa di alcuni appassionati geomatici italiani, veniva lanciata una petizione per denunciare la mancata presenza dell’Italia nel registro INSPIRE: italy4INSPIRE

rndt4inspire
Questa iniziativa, che ha raccolto rapidamente oltre 100 adesioni, non solo di singole persone ma anche di associazioni e comunità del settore geomatico, puntava a mettere in risalto il fatto che bastava un granellino di sabbia nella farraginosa ed infernale macchina burocratica (il mancato invio di una mail da parte di fantomatici responsabili), per far fare al nostro Belpaese l’ennesima figuraccia in campo internazionale.

E la beffa era che l’Italia aveva adempiuto già da tempo alla normativa di settore realizzando il “Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali” (RNDT) e quindi poteva addirittura farci arrivare al traguardo tra i primi in Europa.

Tra l’altro, l’iniziativa veniva ripresa anche in due interrogazioni parlamentari, presentate rispettivamente il 4 luglio e il 12 novembre 2014, rimaste tuttora senza risposta.

Cosa è successo a distanza di così tanto tempo?

Che ci abbiamo messo la solita “pezza” all’Italiana, registrando il solo endpoint del Geoportale Nazionale (che annovera poche centinaia di metadati), continuando a ignorare RNDT, nonostante la legge europea consenta ad ogni Stato Membro di esporre più di un punto di accesso nazionale.

Perché? Visto che il D.lgs. 32/2010 richiama esplicitamente RNDT e che questo in uniformità e continuità con il monitoraggio “previsto dalla Commissione” 2014 segnalava 6140 metadati e quello 2015 ne riporta oltre 17940, perché non è stato ancora registrato? Chissà se qualcuno, con un nome, un cognome ed una faccia, riuscirà mai a dare una risposta e, soprattutto, a raggiungere l’obiettivo di registrare l’endpoint RNDT nel registro INSPIRE.

RNDT4INSPIRE_h

Categorie:Progetti Tag:,

We want Italy in the INSPIRE Registry

10 febbraio 2014 1 commento

Hashtag: #italy4INSPIRE

Premise

According to INSPIRE each Member State must provide at least one endpoint for the discovery of national metadata.

To date, the majority of Member States (23 out of 28) met this requirement by registering its national endpoint in the INSPIRE geo-portal :

http://inspire-geoportal.ec.europa.eu/INSPIRERegistry/

In particular it’s worth noting that some Member States have recorded more than one endpoint, e.g. Austria, Belgium and Latvia : it is also possible to register multiple national endpoints.

In spite of this, Italy has not yet registered its endpoint for the discovery service.

In order to get this registration, a simple communication ( e-mail ) of the INSPIRE National Contact Point addressed to the JRC (michael.lutz@jrc.ec.europa.eu) is needed.

Question

Why the CSW service exposed by the RNDT has not yet been registered as one of the Italian endpoints?

From the regulatory point of view , both the transposition of the INSPIRE Directive (Legislative Decree 32/2010 ) and the Codice dell’Amministrazione Digitale report that RNDT is the national reference in this context :

The national repertoire of spatial data, [… ] is the national catalog of metadata for spatial data sets” (Legislative Decree 32/2010 , Article 5) (1)

From the technical and operational point of view, otherwise, the tests carried out in July 2013 and January 2014 by the Joint Research Centre of the European Commission ( upon request of the Agenzia per l’Italia Digitale) have shown that the CSW service and almost all of the metadata harvested are fully compliant to the provisions of Regulations 1205/2008 (2)  (metadata) and 976/2009 (3)  (network services) of the European Commission, as well as the related Technical Guidelines ( 1.2 of 2010 (4)  for metadata , and 3.1 of 2011 (5) for discovery services) .

Notably the test performed in January 2014 reported 4412 metadata “passed” and 412 “passed with warnings ” out of a total of 5540 ” harvested “metadata  (the total available metadata in the RNDT are 6143) .

The level of compliance to INSPIRE is almost complete for the metadata related to data (4415 of 4462) (6) .

This is an important result and it is noteworthy better than the results obtained by other Member States.

The full report is available at this address :

http://inspire-geoportal.ec.europa.eu/resources/sandbox/INSPIRE-dc160d85-7f54-11e3-9486-d8d3855bd8fc_20140117-095358/services/1/PullResults/

We emphasize that it is important that the registration of the service is done as soon as possible because :

1) the availability of Italian metadata in the European catalog is needed to give visibility to the spatial information existing in Italy , in order to

i. support national and EU environmental policies;

ii. improve knowledge of and encourage investment in our country;

2) the initial availability of metadata can trigger a virtuous cycle by pushing government entities at every level to provide new metadata to RNDT,  to promote their activities at the international level;

3) to encourage the creation of innovative services by professionals, consultants and local SMEs, based on the availability of data, to the benefit of local authorities;

4) to instantiate the role of the Italian ” node ” within the European network ;

5) to give visibility and recognition to people who, at different scales, have actively worked for the implementation of infrastructures and services .

Conclusions

On the basis of the aforementioned considerations, we urge the INSPIRE National Contact Point to provide as soon as possible the URL of the RNDT CSW, in order to have the first italian endpoint registered in INSPIRE.


Signature (in alphabetic order)

  • Giovanni Allegri
  • Andrea Antonello
  • Andrea Borruso
  • Associazione italiana per l’informazione geografica libera – GFOSS.it
  • Stefano Campus
  • Giovanni Ciardi
  • Piergiorgio Cipriano
  • Bruno Conte, Social4Social
  • Simone Cortesi
  • Laura Criscuolo
  • Antonio D’Argenio, Nadir
  • Margherita di Leo, Joint Research Centre
  • Alessio Di Lorenzo
  • Gianfranco Di Pietro, Geofunction
  • Antonio Falciano
  • Sergio Farruggia, Stati Generali dell’Innovazione, AMFM GIS Italia
  • Daniela Ferrari
  • Maurizio Foderà, Kartoblog
  • Antonio Fregoli, MNDAssociation
  • Pietro Blu Giandonato
  • Cesare Gerbino
  • Simone Giannecchini
  • Nicola Guarino, ISTC-CNR
  • Simone Lella
  • Walter Lorenzetti, gis3w
  • Jody Marca
  • Flavia Marzano, Stati Generali dell’Innovazione e Rete WISTER
  • Giacomo Martirano, Epsilon Italia, coordinatore progetto smeSpire
  • Stefania Morrone, Epsilon Italia
  • Alessandro Oggioni
  • Mariella Pappalepore, Planetek Italia
  • Lorenzo Perone
  • Emma Pietrafesa, Stati generali innovazione (Rete WISTER)
  • Renzo Provedel, Stati Generali dell’Innovazione, SOSLOG
  • Angelo Quaglia
  • Monica Sebillo, AMFM GIS Italia
  • Gian Bartolomeo Siletto
  • Claudia Spinnato, Consorzio TICONZERO
  • Franco Vico, AMFM GIS Italia
  • Fabio Vinci, Epsilon Italia
  • Massimo Zotti

If you want to add yourself in this list, put you name in a comment please.



[1]In addition, the Decree of November 10, 2011 concerning the technical rules of RNDT, issued by the Minister for Public Administration and Innovation in cooperation with the MoE provides that the RNDT, as integral part of the national infrastructure, provides the discovery services (art. 2 of the DM) and states that the publication of metadata in RNDT ensures the compliance with the requirements laid down in Regulation (EC) No. 1205/2008 and Legislative Decree no. 32/2010 (art. 4 of the DM).

Categorie:GIS Tag:

Vogliamo anche l’Italia nel registro INSPIRE


Hashtag: #italy4INSPIRE

Premessa

INSPIRE prevede che ogni Stato Membro fornisca almeno un endpoint nazionale per il discovery di metadati.

Ad oggi, la maggior parte degli Stati Membri (23 su 28) ha soddisfatto questo requisito registrando il proprio riferimento nazionale nel geoportale INSPIRE: http://inspire-geoportal.ec.europa.eu/INSPIRERegistry/

In particolare, come si può vedere, alcuni paesi hanno registrato più di un endpoint, come l’Austria, il Belgio e la Lettonia: è infatti possibile registrarne anche più di uno per paese

A differenza di ciò, l’Italia non ha ancora alcun endpoint registrato per il servizio di discovery.

Per questa registrazione è necessaria una semplice comunicazione (email) del National Contact Point INSPIRE (o di qualcuno delegato dal NCP) indirizzata a EC/EEA INSPIRE Team (env-inspire@ec.europa.eu) ed per conoscenza JRC (michael.lutz@jrc.ec.europa.eu).

Domanda

Perché il servizio CSW realizzato da RNDT non è ancora stato registrato come endpoint italiano?

Dal punto di vista normativo, sia il recepimento della Direttiva INSPIRE (Dlgs. 32/2010) che il Codice dell’Amministrazione Digitale riportano che RNDT è il riferimento nazionale in questo contesto: “Il repertorio nazionale dei dati territoriali, […] costituisce il catalogo nazionale dei metadati relativi ai set di dati territoriali” (Dlgs. 32/2010, art.5) [1].

Dal punto di vista tecnico-operativo i test effettuati nel luglio 2013 e gennaio 2014 dal Joint Research Centre della Commissione Europea (su richiesta dell’Agenzia per l’Italia Digitale) hanno dimostrato che il servizio CSW del RNDT e la quasi totalità dei metadati raccolti sono perfettamente conformi a quanto previsto dai Regolamenti 1205/2008 (metadati) e 976/2009 (servizi di rete) della Commissione Europea, nonché alle relative Technical Guidelines (1.2 del 2010 per i metadati, e 3.1 del 2011 per i servizi di discovery).

In particolare il test effettuato a gennaio 2014 ha riportato 4412 metadati “passed” e 412 “passed with warnings” su un totale di 5540 metadati sottoposti ad harvesting (nel RNDT i metadati disponibili sono 6143).

Il livello di conformità rispetto a INSPIRE è quasi totale per i metadati di dataset e serie (4415 su 4462).
Questo è un risultato importante ed è da notare che risulta essere migliore rispetto ai risultati ottenuti da altri Stati Membri.

Il report completo è disponibile a questo indirizzo: http://inspire-geoportal.ec.europa.eu/resources/sandbox/INSPIRE-dc160d85-7f54-11e3-9486-d8d3855bd8fc_20140117-095358/services/1/PullResults/

Sottolineiamo che è importante che la registrazione del servizio sia fatta al più presto perché:

  1. la disponibilità dei metadati italiani nel catalogo europeo serve a dare visibilità alle informazioni territoriali esistenti in Italia, il tutto proiettato a
    1. supportare le politiche ambientali nazionali e comunitarie
    2. favorire la conoscenza e la promozione del nostro territorio;
  2. l’iniziale disponibilità di metadati potrà innescare un processo virtuoso spingendo gli enti pubblici di ogni livello a conferire i metadati all’RNDT per far conoscere le attività dell’amministrazione su scala internazionale;
  3. per incentivare la realizzazione di servizi innovativi da parte di professionisti, consulenti e PMI locali da offrire agli enti locali sulla base della disponibilità di dati;
  4. per istanziare il ruolo del “nodo” Italia all’interno della rete;
  5. per dare riconoscimento e visibilità alle persone che, su scala diversa, hanno attivamente operato per la realizzazione dell’infrastruttura e dei servizi.

Conclusioni

Alla luce di queste considerazioni, esortiamo il NCP INSPIRE italiano a comunicare al più presto al JRC l’indirizzo del servizio CSW di RNDT affinché questo venga registrato come primo endpoint italiano in INSPIRE.


Firmatari (in ordine alfabetico)

  • Giovanni Allegri
  • Andrea Antonello
  • Andrea Borruso
  • Associazione italiana per l’informazione geografica libera – GFOSS.it
  • Stefano Campus
  • Giovanni Ciardi
  • Piergiorgio Cipriano
  • Bruno Conte, Social4Social
  • Simone Cortesi
  • Laura Criscuolo
  • Antonio D’Argenio, Nadir
  • Margherita di Leo, Joint Research Centre
  • Alessio Di Lorenzo
  • Gianfranco Di Pietro, Geofunction
  • Antonio Falciano
  • Sergio Farruggia, Stati Generali dell’Innovazione, AMFM GIS Italia
  • Daniela Ferrari
  • Maurizio Foderà, Kartoblog
  • Antonio Fregoli, MNDAssociation
  • Pietro Blu Giandonato
  • Cesare Gerbino
  • Simone Giannecchini
  • Nicola Guarino, ISTC-CNR
  • Simone Lella
  • Walter Lorenzetti, gis3w
  • Jody Marca
  • Flavia Marzano, Stati Generali dell’Innovazione e Rete WISTER
  • Giacomo Martirano, Epsilon Italia, coordinatore progetto smeSpire
  • Stefania Morrone, Epsilon Italia
  • Alessandro Oggioni
  • Mariella Pappalepore, Planetek Italia
  • Lorenzo Perone
  • Emma Pietrafesa, Stati generali innovazione (Rete WISTER)
  • Renzo Provedel, Stati Generali dell’Innovazione, SOSLOG
  • Angelo Quaglia
  • Monica Sebillo, AMFM GIS Italia
  • Gian Bartolomeo Siletto
  • Claudia Spinnato, Consorzio TICONZERO
  • Franco Vico, AMFM GIS Italia
  • Fabio Vinci, Epsilon Italia
  • Massimo Zotti

Se volete essere aggiunti in questa lista, inserite il vostro nome e/o la vostra affiliazione come commento.



[1] Inoltre, il Decreto 10 novembre 2011 relativo alle regole tecniche del RNDT, emanato dal Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione e dal Ministero per l’Ambiente e la Tutela del Territorio e del Mare, dispone che il RNDT, parte integrante dell’infrastruttura nazionale, eroghi i servizi di ricerca (art. 2) e prevede la pubblicazione dei metadati nel RNDT, assicurando il rispetto degli adempimenti di cui al Regolamento (CE) n. 1205/2008 e al D. Lgs. n. 32/2010 (DM art. 4)

Categorie:GIS Tag:

Test INSPIRE: RNDT passa l’esame!


Un’ottima notizia per RNDT sul fronte INSPIRE: piena conformità ai Regolamenti e alle linee guida tecniche di INSPIRE sui metadati, sui servizi di rete, sia per quanto riguarda la struttura e il contenuto dei dati che per quanto riguarda le caratteristiche del servizio medesimo.

Per i dettagli ecco il report dei test.

logo_RNDTFonte: RNDT

Categorie:Progetti Tag:,

Sinergia tra province olandesi su soluzione GIS open source permette di risparmiare 4.5 milioni di Euro


Nella recente INSPIRE Conference tenutasi a Firenze dal 23 al 27 Giugno, tra i vari interventi presentati, uno in particolare ha messo in evidenza come un’azione sinergica di 12 province olandesi che hanno collaborato congiuntamente allo sviluppo di una soluzione basata su prodotti open source, ha permesso, dal 2009 ad oggi, un risparmio considerevole di costi quantificato in ben 4.5 milioni di Euro.

Nel 2006 infatti le 12 province olandesi hanno congiuntamente sviluppato una soluzione per la gestione e visualizzazione di dati geografici denominata Flamingo, un geo-cms basato su prodotti open source e a sua volta rilasciata in modalità open source (licenza GPL2).

Ecco un video (in olandese …..), di presentazione

Di recente le 12 province hanno creato una fondazione per supportare la comunità degli utenti di Flamingo con l’intenzione di estendere la comunità degli utenti della soluzione anche al dià dei confini olandesi.

Come detto in precedenza l’esperienza si è rivelata positiva permettendo un sensibile risparmio tanto che verrà replicata con le medesime modalità per andare a realizzare un secondo tool denonimato CDS (Central Data and Service environment), il cui obiettivo sarà quello di importare le informazioni geografiche delle singole province, validarle e renderle disponibili come national dataset, seguendo le direttive INSPIRE.

La soluzione sarà realizzata “on top” a prodotti open source quali ad esempio PostGIS e Deegree, che sono supportati dalla Open Source Geospatial Foundation (OSGEO).

Al netto degli aspetti tecnici di cui riferisco più avanti, l’iniziativa delle province olandesi è significativa e dimostra come l’essere capaci di fare sinergia tra enti della P.A di un Paese permette di portare risultati da un punto di vista economico, concreti.

Questo dovrebbe far riflettere: quanti progetti “simili” (es.  quanti geoportali, quanti web gis viewer, ecc ..), sono stati, e vengono ancora, oggi proposti dagli Enti della P.A in termini di ricerca di finanziamenti, sia a livello nazionale sia a livello comunitario? Una capacità progettuale d’insieme tra gli enti, in sinergia tra di loro, che permetta di creare una “massa critica” tale da andare a cercare insieme finanziamenti significativi, più facili forse da ottenere che non con iniziative più piccole, molto simili tra di loro, non permetterebbe forse di fare maggiore efficienza e di spendere meglio soldi che sono un po di tutti noi? Il modello olandese presentato sembra confermare questa sensazione.

Purtroppo, e sarebbe stato interessante, non è così facile trovare dettagli tecnici sulla soluzione Flamingo visto che buona parte dei siti di riferimento sono in olandese e anche sui sito ufficiale della soluzione non sono così evidenti questi dettagli (o almeno io non sono stato in grado di trovarli ….), e questo per una soluzione proposta a riuso non è bellissimo.

Altro aspetto se vogliamo critico da un punto di vista tecnico, è la decisione di implementare, per quanto basato su prodotti open source e rilasciato a sua volta in modalità open source, un nuovo (ennesimo …)?, geo-cms, framework o similare: forse, una volta fatta la scelta dell’open source, sarebbe stata necessaria una valutazione se non fosse stato più opportuno “investire” nell’evoluzione di un qualcosa di già disponibile della comunità GIS open source, e non credo che sarebbe mancato materiale su cui fare dei ragionamenti.

Forse l’iniziativa olandese sarebbe stata ancora più interessante!

Fonte: Between the Poles

GeoNews della settimana


Una breve raccolta eterogena di geo-notizie raccolte sulla rete:

  • Interessante post sul blog di Hushahidi che illustra una soluzione di car pooling realizzata in Kenia utilizzando Twitter, SwiftRiver e Ushahidi
  • Sulla mailing list di OpenStreetMap è apparso l’annuncio di un prototipo di mappa di OSM che supporta il multilinguismo (per ora applicato sul tag <name>). Interessante
  • Su GEOMedia annunciato un webinar che si terrà l’11 Dicembre dal titolo “Metadati e dati liberi. Fare coesistere RNDT & INSPIRE“, argomento quanto mai attuale
  • Il JRC ha lanciato un un sondaggio rivolto al settore privato, in particolare piccole e media aziende (SME) che lavorano in ambito Geo-ICT su attività in qualche modo collegate a INSPIRE con l’obiettivo si iniziare a trasformare la Direttiva INSPIRE in opportunità di businessper aziende private che operano nel settpre dell’ICT geografico. L’iniziativa è legata al progetto smeSpire (di cui il JRC è uno del 15 partner di progetto), partito a maggio 2012 con l’obiettivo di studiare il settore privato e facilitare networking tra aziende e partnership pubblico-privato
  • Il 23 Febbario 2103 si svolgerà l’International Day of Open Data. La formula sarà quella dell’hackaton. Una buona occasione per chi, come le PP.AA, espone open data e per chi abbia idee di business che si possano basare sui dati liberamente disponibili. Avere le infomazioni in modalità open data georiferite è quindi quanto mai interessante e quanto mai utile in un simile contesto
  • su GEOMedia un interessante  post   sulle mappe animate del vento: provate a cliccare sull’immagine e vedrete la mappa in tempo reale dei vcenti sugli Stati Uniti

windmap