Archivio

Posts Tagged ‘Twitter’

Mettere i tweet su una mappa: Tweet to Map jQuery plugin


Sta diventando un po una mania quella di mappare i tweet nell’intorno di una certa zona. Ecco una semplice soluzione che permette di personalizzare la propria mappa Google based con i tweet che ricadono nella zona di interesse.

Fonte: Google Maps Mania

Networking & privacy: l’importanza di un uso consapevole degli strumenti social


Su Google Maps Mania è apparso un interessante post che riporta un esperimento di networking privacy che illustra come aspetti legati alla privacy possano essere facilmente e incosciamente aggirati con un uso non cosapevole degli strumenti di social network.

Il nome dell’esperimento è WeKnowYourHouses: l’applicazione prende in considerazione i tweet geo-taggati che menzionano la parola “home” (si può utilizzare allo scopo l’accesso offerto via le Twitter Search API con una chiamate del tipo  http://search.twitter.com/search.json?q=at+home e poi parsificare opportunamente la risposta in JSON per ricavare le coordinate associate al tweet), e poi prova a derivare l’indirizzo del mittente, con un normale geocoder, sulla base delle indicazioni di latitudine / longitudine associate al tweet.

Ecco una rappresentazione su mappa:

Ma come viene associata la posizione geografica del tweet? E’ sempre attiva? No, ma lo è se è attiva l’opzione di localizzazione (evidenziata con un cerchio rosso nella figura…)

questa invieerà sempre la localizzazione dei tweet sino a quando non verrà disattivata.

L’applicazione è un esperimento ed citato che tutti i tweet vengono eliminati dopo un’ora ma è un ulteriore esempio di come un uso non consapevole degli strumenti di social networking possano esporci alla violazione della nostra privacy.

L’argomento era già stato trattato in un precedente post.

Fonte: Google Maps Mania

Categorie:Progetti Tag:, ,

GIS & crowdsourcing nell’evento del terremoto in Nuova Zelanda


Il 22 Febbraio 2011 un forte terremoto ha scosso Chistchurch in Nuova Zelanda.

Anche in questo evento tragico l’uso delle nuove tecnologie, la loro integrazione con le componenti spaziali e l’utilizzo di framework per il web mapping (ArcGIS On Line, Google Map, Ushahidi, ecc …), hanno reso possibile mettere on line, in tempi rapidssimi, delle web application che hanno permesso non solo di tracciare una mappa che rappresentasse “in tempo reale” lo stato dei luoghi e dei danni grazie al contributo diretto dei sopravvissuti presenti sul luogo della tragedia (attingendo da fonti varie quali YouTube, Twitter, ecc ….), ma anche di “ricercare” persone come il Google Person Finder for Christchurch.

Alcuni post di particolare interesse su questo argomento sono i seguenti: