Archivio

Posts Tagged ‘GeoWebCache’

OpenGeo investe nella comunità QGIS


Sul blog di OpenGeo oggi è apparso un post che annuncia l’interesse di OpenGeo nell’investire in QGIS desktop.

La notizia ha una certa rilevanza visto che OpenGeo sinora si è storicamente concentrata sulle componenti server enterprise: la sua OpenGeo Suite che si basa infatti sulla OpenGeo Architecture  costituita da PostGIS, GeoServer, GeoWebCache, OpenLayers e GeoExt.

In questo scenario mancava una soluzione GIS Desktop matura che permettesse di completare la suite e la scelta sembra essere caduta su QGIS che sicuramente è il tool GIS Desktop open source più ampiamente diffuso ed utilizzato, con una nutrita e quanto mai vivace comunità e che si appresta a rilasciare la release 2.0.

Questa notizia potrebbe rivelarsi una svolta importante nel panorama delle soluzioni GIS open source visto che nell’offerta di OpenGeo si va a completare un tassello sinora non integrato.

Le potenzialità sono molte e tutte decisamente interessanti:

  • integrazione di QGIS nella OpenGeoSuite diventando uno strumento non solo per fare gis desktop ma anche un modo per fare configurazione della suite stessa: gli utenti della suite potranno quindi prossimamente creare, analizzare, pubblicare e consumare dati e servizi geospaziali
  • integrazione di QGIS con GeoGit, la soluzione per il versionamento dell’informazione spaziale su sui OpenGeo sta lavorando. Gli utenti desktop saranno in grado di lavorare su dati geospaziali in ambienti distribuiti o parzialmente disconnessi. Il client GeoGit in QGIS permetterà non solo agli utenti di gestire i loro repository e quindi le proprie versioni, ma anche di avere a disposizione l’intero contesto di QGIS, rendendo GeoGit un altro data source dentro QGIS, esattamente come ogni altro database o servizio OGC

Si prospettano quindi orizzonti interessanti per il GIS open source: attendiamo impazienti e fiduciosi!

Fonte: OpenGeo Blog

Annunci

Rilasciata OpenGeo Suite 3.0


OpenGeo ha recentemente rilasciato OpenGeo Suite 3.0 basata su GeoServer 2.2, PostGIS 2.0 e GeoWebCache 1.3.

La suite è rilasciata per:

Le caratteristiche principali sono le seguenti :

  • Processing server side: supporto dell’OGC Web Processing Services (WPS), estensione a poter utilizzare processi WPS anche nelle rendering transformation di un layer usando stili SLD, scripting server side (Python e Javascript. Supporto a PostGIS 2.0
  • Sicurezza: supporto di user groups e si nuovi meccanismi di autenticazione inclusi LDAP, X509
  • Virtual services nel’implementazione del multi-tenancy, permettendo a GeoSerrver con una unica istanza di pubblicare diversi endpoints di servizio
  • Nuova interfaccia di configurazione di GeoWebCache con la possibilitàdi definire grid sets, quali layers possano essere soggetti a cache, ecc …
  • Supporto del WFS 2.0 comprese interessanti possibilità quali paging, stored queries, ecc …

Per maggiori dettagli fare riferimento qui

 Fonte: OpenGeo

OpenGeo Suite per costruire closed-source applications: si può!


Sul blog di Open Geo è apparso un interessante post che risponde ad una domanda che spesso circola sul web.

E’ possibile realizzare soluzioni closed-source basandosi su prodotti open source? Nel caso di OpenGeo Suite la risposta è SI!

Questo post non entra, almeno in questo contesto, nel merito se questa sia un’operazione lecita. opportuna, corretta o altro, ma si limita a riportare questa possibilità.

Ecco quelli che sono i prodotti che fanno parte della OpenGeo Suite (con relative licenze):

E’ quindi possibile realizzare applicazioni closed-sourceche si basano su OpenGeo Suite senza dover distruibuire il codice.

Resta comunque sempre valido il vincolo che se si effettuino modifiche a livello di codice dei prodotti che fanno parte della OpenGeo Suite allora vige l’obbligo di ridistribuire queste modifiche.

Fonte: OpenGeo Blog

 

 

GeoServer & GeoWebCache: indicazioni utili per configurazione sistema di grosse dimensioni


Sul blog di GeoSolutions è apparso un interessante post che illustra il settaggio l’architettura di un progetto reale di grosse dimensioni (2 TB di dati raster e 60 GB di dati vettoriali), che utilizza server side GeoServer e GeoWebCache.

I requisiti inziali del progetto erano di supportare 100 richieste al secondo con dei tempi medi di risposta di 3 secondi e un masismo di 10 secondi suddividendo il carico al 40% su GeoServer e il 60% su GeoWebCache.

Il settaggio iniziale del sistema era il seguente:

in cui le due istanze previste di PostGRES erano impostate in cluster in modalità attiva – attiva mentre le due istanze di GeoWebCache erano in modalità attiva – passiva. Il bilanciamento è stato fatto con Apache HTTPD su una specifica VirtualMachine.

Per maggiori dettagli si rimanda al post originale.

Al lancio del sistema le previsioni/ requisiti inziali si sono dimostrati sottostiati in quanto i carichi reali erano di 7000 richieste al secondo !!

L’architettura è stata così rivista:

Come si può facilmente notare un cambiamento radicale in cui i tre tools utilizzati, PostGIS, GeoServer e GeoWebCache sono stati diposti su ambienti virtuali dedicati rispetto alla configurazione iniziale.

I cambiamenti apportati riguardano:

  • sostituzione del bilanciameneto via Apache HTTPD con HAProxy
  • GeoWebCache su ambienti dedicati
  • PostgresQL su ambienti dedicati
  • Aumento delle istanze di GeoServer sino a 24 istanze

Per maggiori dettagli si rimanda al post originale.

Interessante e da tenere presente per chi dovesse impostare architetture su soluzioni server side basate su strument GIS open source.

Fonte: GeoSolutions Blog

CMS GeoSpatial: Cartaro


Cartaro è un nuova piattaforma di web mapping che unisce le potenzialità di un potente CMS come Drupal con le potenzialità spaziali di PostGIS, GeoServer, GeoWebCache e OpenLayers.

Cartaro permette di creare siti web “estendendoli spazialmente” con contenuti di web mapping  aderenti agli standard OGC.

E’ uno strumenti rivolto sia ad organizzazioni sia a singoli

Fonte: Slashgeo

Galleria di progetti realizzati usando prodotti GIS Open Source


OpenGeo ha pubblicato sul suo blog una interessante galleria di progetti realizzati utilizzando le tecnologie su cui si basa la suite OpenGeo e quindi  PostGIS, GeoServer, GeoWebCache, OpenLayers, and GeoExt.

Al momento questa galleria di progetti non è ancora fornitissima ma può rappresentare scuramente una interessante fonte di ispirazione.

Fonte: OpenGeo blog