Archive

Archive for giugno 2013

OpenStreetMap in 3D (WebGL)


Interessante progetto basato su OpenStreetMap, Tilemill, Mapnik e World Weather Online che permette di visualizzare i dati di OSM in 2D …..

OMS-2D

ma anche in 3D (…. in un browser che supporti WebGL)

OSM-3D

E’ impressionante vedere, all’attivazione del 3D, l’estrusione degli edifici (anche se credo che le altezze non siano quelle reali, ma a livello di potenzialità questo non cambia l’interesse del prodotto).

Per la localizzazione sul territorio utilizza Nominatim.

Non è chiaro quali siano le tecnologie utilizzate …. indagherò …

Fonte: GFOSS.it

Mapping mobile interactivity: Nutiteq + CartoDB for Android


Intressante post che illustra passo passo come realizzare un’app nativa per Android usando Nutiteq e CartoDB

cartodb_nutiteq

Fonte: CartoDB Blog

 

Categorie:Mobile, Open Source Tag:,

GitHub visualizza GeoJSON usando Leaflet


Le possibilità offerte da GitHub di essere utilizzato come repository per geodati oggi si sono ampliate di una nuova feature:  memorizzare dati geografici in formato GeoJSON e di visualizzarli utilizzando Leaflet.

Chicago-GitHub

La notizia è molto interessante e, sebbene con dei limiti tutti da verificare in relazione alle dimensioni dei GeoJSON supportati, apre importanti prospettive.

Ricordo che la stessa OpenGeo con GeoGit sta lavorando sull’utilizzo di GitHub per provare ad affontare il tema della creazione e gestione dei dati geografici con gli stessi principi collaborativi con cui viene trattata la gestione del codice sorgente, e che la città di Chicago sta già utilizzando la piattaforma per condividere alcuni dei suoi open data georiferiti con gli utenti.

Fonte: GitHub Blog

GeoCoding: confronto tra motori sul campo

10 giugno 2013 1 commento

Gisgraphy è un framework open source che offre la possibilità di fare geolocalizzazioni  e geocoding via Java API o webservices REST.

Tra le altre cose offre una semplice interfaccia web che permette di confrontare, dato un indirizzo, i risultati di geocodifica dello stesso offerti da alcuni motori di geocoding e precisamente:

  • Gisgraphy (in violetto nelle immagini di cui sotto)
  • Nominatim (in giallo nelle immagini di cui sotto)
  • Google Maps (in rosso nelle immagini di cui sotto)
  • Yahoo! Placefinder (in blu nelle immagini di cui sotto)
  • MapQuest (in verde nelle immagini di cui sotto)

E’ interessante vedere quali siano le differenze tra i vari motori.

Ad esempio ho provato a prendere come zona campione Bologna che, come in un precedente post, risulta essere una delle zone più densamente mappate in OSM,  e ho preso  come indirizzo in esame Via Borgonuovo 21.

ViaBorgonuovo

Ecco il risultato dell’operazione di geocodifica in Gisgraphy

Gisgraphy

Come si vede i vari motori, restituiscono risultati diversi sebbene con errori di approssimazione accettabili: i più precisi nel caso specifico risultano essere MapQuest e Yahoo! Placefinder.

Fonte: @borruso

Mappa del Trentino: un esempio di un uso sinergico di dati open


E’ stata pubblicata la mappa web e mobile della Provincia Autonoma di Trento da parte di WebMapp.

MappaTrentino

Si tratta di un bell’esempio di come si possano ottenere eccelenti risultati utilizzando dati e tools open source.

I tre organismi produttori dei principali dati utilizzati per costruire la carta sono infatti:

I software opensource utilizzati sono stati:

La mappa delle Trentino è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

Ottima iniziativa e bell’esempio da seguire!

2013 OpenStreetMap Data Report


MapBox ha pubblicato il 2013 OpenStreetMap Data Report.

Un po di dati …

  • 33,968,739 km di strade
  • 78 milioni di buildings

Per le strade corrisponde a: 93.17 viaggi verso la Luna, 847.63 orbite della Terra, 40.13 anni guidando a 60 miglia orarie

Il dato più interessante è però quello relativo alle aree più densamente mappate tra cui spicca ai primi 4 posti il Cameroun con Yaoundè e Mfoundi, mentre per scovare qualche zona italiana le prime sono le seguenti:

Fonte: MapBox

Kort, un gioco basato su OpenStreetMap che permette di contribuire a migliorare la qualità dei dati di OSM

9 giugno 2013 1 commento

Ho scoperto che esiste un gioco che si chiama Kort,  basato su OpenStreetMap, che permette di contribuire a migliorare la qualità dei dati di OSM basandosi sul principio del gamification.

Kort

Sostanzialmente si tratta di un”gioco” in cui, iscrivendosi con le credenziali di Gmail, Facebook, ecc … si ottengono degli “incarichi”, tipicamente punti, per i quali viene richiesto di compilare i dati mancanti. In questo modo si ottengono dei Koins e quando la medesima informazione viene confermata da più utenti allora questa può essere riversata su OSM.

Ecco un esempio di incarichi:

Koins

Un modo alternativo di contribuire al progetto OpenStreetMap anche senza necessità di editare direttamente le componenti geometriche dell’informazione, che potrebbe essere anche utilizzato come esempio da utilizzare in contesti che vanno al di là del gaming quali ad esempio:

  • coinvolgimento delle scuole per arricchire e migliorare la qualità dei dati del proprio territorio. In questo caso i “premi” potrebbero essere associati a crediti formativi o altro in ambito scolastico, magari favorndo la “competizione” tra i diversi istituti
  • coinvolgimento attivo della P.A e delle aziende / privati su territorio: la P.A potrebbe, partendo dagli open data georiferiti, contribuire, direttamente o indirettamente, mettendo a disposizione i dati al progetto OpenStreetMap per alcuni livelli  informativi e la comunità integrare / correggere / aggiornare le informazioni utilizzando un’approccio leggero come quello di Kort

Non resta quindi che provare a …. “giocare”!!!