Home > GIS, Web Mapping > Realizzare automaticamente storytelling usando Mapillary? Ci si può provare …

Realizzare automaticamente storytelling usando Mapillary? Ci si può provare …


Mapillary è un servizio per condividere foto georeferenziate sviluppato da una startup, con sede a Malmö, Svezia. I suoi ideatori vogliono rappresentare il mondo intero (non solo le strade) con delle foto. Ritengono che per coprire tutti i posti interessanti nel mondo siano necessari un progetto crowd-sourced indipendente e un approccio sistematico alla copertura di aree interessanti.

Si pongono quindi, fatte le debite proporzioni, in alternativa a Google Street View.

Contribuire è facilissimo: chiunque può scaricare l’app di Mapillary sul proprio smartphone / tablet ed iniziare a scattare foto muovendosi a piedi, in bici o in auto, effettuare poi l’upload sulla piattaforma, e dopo pochissimo tempo rendere disponibile il frutto del proprio “lavoro” al resto della community di Mapillary.

Tempo fa ho usato questo approccio per mappare l’intero mio comune.

Di chi sono le immagini caricate sul sistema e come si possono usare? Le immagini su Mapillary possono essere usate da chiunque secondo la licenza internazionale Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 (CC-BY-SA).

Un permesso speciale è concesso per derivare dati dalle foto per contribuire ad OpenStreetMap.

Le tracce GPX possono essere usate senza restrizioni.

Sino a non molti mesi fà queste immagini erano consultabili solo attraverso il sito di Mapillary: interessante ma un po’ “chiusa” come possibilità.

A Febbraio 2016 però Mapillary se n’è uscita con Mapillary JS,  che è quanto segue (citando esattamente quanto pubblicato … )

“…MapillaryJS is a tool used for displaying street level photos anywhere on the internet. Today we are putting it into your hands. It enables you to add street level photos to your blog, website or even into your professional mapping applications. …”

E’ quindi ora possibile utilizzare le immagini di Mapillary all’interno di una qualunque applicazione web usando un’interfaccia Javascript che ne facilità la fruizione.

Tra gli esempi forniti con Mapillary JS, ha colpito la mia curiosità quello relativo allo storytelling.

Da qui ho iniziato a pensare se fosse possibile, per produrre il codice della pagina di esempio, automatizzare le scelta delle immagini e delle relative sequenze partendo da un percorso che l’utente poteva disegnare su una mappa.

Il risultato ora c’è ed è … SAMBA !!!  (il nome deriva dall’influenza del periodo olimpico che ha coinciso con lo sviluppo dell’applicativo??? 🙂 ….  comunque l’acronimo stà per Storytelling Author Mapillary BAsed).

samba

L’applicativo permette di scegliere una qualunque area del mondo, per nome o indirizzo, visualizzare su una mappa quelle che sono le tracce delle sequenze di immagini di Mapillary che sono disponibili per quell’area e, sulla base di queste, interattivamente, di impostare quelli che sono i punti di interesse per cui si vuole che il nostro percorso passi (sino ad un massimo di 25 punti …. ).

L’applicativo calcolerà il percorso ed individuerà quelle che sono le immagini di Mapillary più vicine ai punti del percorso stesso (nel verso della percorrenza … ), e proverà a proporre una prima versione dello storytelling di cui l’utente può fare il preview in una sorta di “filmato”.

Se il preview è giudicato soddisfacente l’utente può scaricare il codice sorgente HTML / Javascript per una sua esecuzione autonoma o per poter essere incluso nella pagina web del proprio sito.

Qualora nel preview vi siano immagini non corrette o che generano problemi nell’esecuzione del “filmato” stesso (situazione piuttosto comune …), o qualora l’utente desideri inserire dei piccoli commenti testuali in corrispondenza di alcune delle immagini, è possibile effettuare un raffinamento, deselezionando le immagini da escludere dalla restituzione e/o editando il testo.

Nuovamente sarà possibile effettuare un preview e/o scaricare il codice sorgente HTML / Javascript: il processo di raffinamento può essere eseguito più volte sino ad arrivare alla configurazione di gradimento.

Ogni passo è corredato da un help ed un filmato di esempio di utilizzo.

Riporto qui i filmati per completezza di informazione (nel loro insieme rappresentano una sessione di utilizzo completa).

Step 1

Step 2

Step 3

Step 4

Step 5

I vincoli per l’utilizzo sono i seguenti:

  • utilizzo di un browser di recente generazione e che supporti WebGL: l’applicazione è stata testata su Chrome e Firefox
  • numero massimo punti per il calcolo percorso: 25
  • non si possono usare lettere o caratteri speciali nel testo descrittivo che viene aggiunto all’immagine. Non è possibile usare tag HTML (es. per mettere link)

L’applicazione non è fruibile da smartphone / tablet in quanto risulta comunque difficoltosa l’interazione sulla mappa nel momento in cui si disegnano i punti di interesse o, peggio ancora quando li si desidera riposizionare / trascinare sulla mappa stessa.

Sono comunque fruibili da smartphone / tablet gli storytelling generati.

Esistono problemi noti, che sono:

  • il servizio di routing di MapBox ha un piccolo bug per cui, a volte, non riporta nel percorso l’ultimo punto (destinazione). Ho cercato di aprire una richiesta su StackExchange,  ma ad oggi non ho ancora avuto risposte, nemmeno da MapBox stessa. Il bug non è comunque bloccante anche se fastidioso

Ecco alcuni esempi di storytelling prodotti con SAMBA:

Il codice dell’applicazione e’ disponibile su GitHub con licenza Licenza MIT Copyright (c) [2014].

Ora non vi resta che provare … enjoy!

 

Advertisements
  1. 10 febbraio 2017 alle 5:34 pm

    Ciao, sto provando ad utilizzare MapillaryJS + Leaflet ma per quanto sono riuscito a vedere non mi sembra si riesca ad utilizzare il servizio in modo dinamico…esempio caricamento in automatico su mia mappa web..ti risulta il contrario?
    A tal proposito ti mando link del mio sito di mappe web ..visto che siamo “vicino” magari mi può essere utile qualche tuo consiglio su risorse o corsi vari in quel di torino…grazie

    Roberto
    http://www.brmaps.it

    • 15 febbraio 2017 alle 12:11 pm

      Ciao Roberto,
      grazie del contatto e scusa il ritardo della risposta. Ti contatto in privato via mail!

  2. 23 marzo 2017 alle 10:57 pm

    Sto provando invano, anchio a caricare html MapillaryJS + Leaflet su sito in joomla, ho fatto vari tentativi l’unico che gli va bene è l’iframe. Se digito su browser direttamente l’html funziona, è un problema di joomla? il link
    http://www.lampedusa.me/it/tour-virtuali-lampedusa/lampedusa-gis/mappa-e-foto-panoramio

    • 24 marzo 2017 alle 1:22 pm

      Ciao Giuseppe,
      purtroppo non ho esperienza di sviluppo in Joomla e quindi non saprei darti una mano. L’unico consiglio che mi sentirei di darti è quello di provare a circoscrivere il problema con un esempio più semplice (la mappa minima di Leaflet e poco altro … ), in Joomla (tieni le cose al minimo indispensabile per chi ti può aiutare nel troubleshooting …), e poi provare ad aprire una richiesta su http://stackoverflow.com/ o su https://gis.stackexchange.com/ illustrando per bene il problema e mettendo il link all’esempio “minimale” di cui sopra. Io ho provato a cercare ma mi sembra che al momento non vi sia molto, la cosa che più si avvicina è questa http://stackoverflow.com/questions/35367211/leaflet-control-joomla-issue che spero ti possa un pò illuminare. In bocca la lupo!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: